“Retroscenismo gossipparo”

aprile 1st, 2012 § 0 comments § permalink

Mi fate linkare Christian Rocca, mi fate.

Il retroscena all’italiana, spiegano gli autori, però è molto diverso dal modello originario anglosassone, dove è chiaramente diretto a illuminare zone d’ombra o lati oscuri delle vicende pubbliche. Da noi, invece, il retroscena riguarda spesso ricostruzioni di pensieri, umori, punti di vista e deduzioni del giornalista, quasi sempre attribuite tra virgolette, cioè testualmente, ai protagonisti anche se è assai improbabile che abbiano parlato direttamente con il cronista. «Non si può non notare il rischio distorsivo di questa comunicazione», scrive Barbano. Succede, infatti, che quando il leader politico non si riconosce in quelle indiscrezioni riferite tra virgolette, prova inutilmente a smentirle. L’ultima parola spetta al giornalista pronto a ribadirne la veridicità sulla base dell’attendibilità della fonte, dichiarata tale unilateralmente e comunque tenuta segreta. «In sostanza – scrive Barbano – la dichiarata riservatezza delle frasi riportate funge da esimente per il giornalista di fronte all’eventualità di una smentita, sottraendolo all’obbligo di fornire prova della loro veridicità».

Ale, tranquillo! (di patteggiamenti, banche e giornalismo italiano)

febbraio 18th, 2012 § 0 comments § permalink

Anche questo post è per TRed, il blog della sinistra che ha un treno tra mezz’ora e deve ancora preparare la valigia.

Alessandro Gilloli ha scritto un post incazzosissimo sul pateggiamento tra banche e Stati degli USA.

Avete presente, vero, tutta la schifosa speculazone dei mutui subprime, che hanno avuto una parte non indifferente nell’innescare la crisi economica mondiale che stiamo vivendo sulla nostra pelle?

Ecco com’è finita, in questo cazzo di mondo da rovesciare come un calzino

Ma ascoltiamo cosa dice l’attorney general di New York da Rachel Maddow:

O leggiamo il New York Times:

In the agreement’s expected final form, the releases are mostly limited to the foreclosure process, like the eviction of homeowners after only a cursory examination of documents, a practice known as robo-signing.

The prosecutors and regulators still have the right to investigate other elements that contributed to the housing bubble, like the assembly of risky mortgages into securities that were sold to investors and later soured, as well as insurance and tax fraud.

Officials will also be able to pursue any allegations of criminal wrongdoing. In addition, a lawsuit Mr. Schneiderman filed Friday against MERS, an electronic mortgage registry responsible for much of the robo-signing that has marred the foreclosure process nationwide, and three banks, Bank of America, JPMorgan Chase and Wells Fargo, will also go forward

Ovvero: l’accordo, da 26 miliardi di dollari, non riguarda la crisi economica ma solo ed esclusivamente gli illeciti commessi nei pignoramenti; eventuali reati penali sono fuori dall’accordo.

Quindi, no, i “banchieri” non si sono riparati da conseguenze penali e, no, i “banchieri” non l’hanno scampata dalle colpe della crisi.

Mica colpa di Gilloli, eh, lui ha solo letto informazioni sbagliate su quello che una volta era una delle testate più illustri del giornalismo italiano e ora prende sbandate da pagina di Facebook KONTROLEBANKE.

All others must bring data

ottobre 27th, 2010 § 0 comments § permalink

Severgnini, che pure mi piace, ha fatto, per posteri e stranieri, una lista di motivi per cui ci piace Berlusconi.

Come al solito ci piace il filosofo/storico/scrittore/giornalista che ci spiega i motivi di qualcosa per ragion pura, per semplice logica e buon senso. Poi magari un giorno diventeremo un Paese che vuole dei dati, vuole un bel sondaggione fatto come si deve (con pesi, compensazioni e quant’altro) per chiederlo agli Italiani cosa vogliano e perché. O perlomeno in cui affermazioni importanti prima di diventare verità abbiano bisogno di mezzo dato. Non dico Nate Silver però magari ci saremmo potuti risparmiare tanti libri sul nordest, per esempio.

ps “In God we trust, all others must bring data”  – W. Edwards Deming

“Boh, cerca qualcosa con delle schede nella cartella immagini”

settembre 6th, 2010 § 0 comments § permalink

Repubblica ha un nuovo appello (eh va beh), questa volta “contro il porcellum” (ma quindi per l’uninominale? per le preferenze? per cosa?). Ora,  perché con tutte le foto che esistono e che avranno in archivio debbano mettere una foto delle schede delle Primarie per l’elezione del Segretario del Partito Democratico?

That’s why we can’t have nice things! (Repubblica, le primarie, il PD e la politica italiana)

luglio 31st, 2010 § 7 comments § permalink

La Repubblica. Lungo articolo sulle primarie (“gelo di Bersani!”) che dovrebbe concludersi alla terza riga (“le faremo” dice il segretario) ed invece si prolunga con affermazioni non-proprio-pro-primarie di gente che non conta nulla e frasi di indignati per professione che vogliono le primarie (dunque perfettamente d’accordo con Bersani).

Sotto un piccolo trafiletto sui parlamentari PD che vanno a L’Aquila e si dicono pronti ad assumersi la responsabilità politica, insieme al governo, di una tassa per aiutare l’Abruzzo.
Ma teniamolo piccolo e sotto le “polemiche” inesistenti altrimenti passa l’idea che Bersani e il PD stiano facendo qualcosa: dopo come si fa a fare gli indignati “e dove è il PD?” ? Poi magari si rischia di dibattere sul merito delle questioni.

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with giornalismo at Eggs of War.

  • TRed
  • RSS TRed

    • Ripartire dal popolo, non dalla sinistra
      Con l’uscita dal Pd di Civati e il successo delle mobilitazioni dei lavoratori contro la riforma scolastica si è riaperto il turbinio del dibattito sulla creazione di qualcosa di sinistra in Italia (e a sinistra del Partito Democratico).Il tema della rappresentanza della sinistra politica è una costante della Seconda Repubblica. Attorno ad esso formazioni politiche si sono contese […]
    • Tutto quello che dovete sapere sul congresso del Parti Socialiste di Hollande
      Giovedì 21 maggio gli iscritti del Partito socialista francese saranno chiamati a votare le quattro mozioni che si contendono il Congresso di Poitiers (5-7 giugno). Sarà questo il primo atto della settantasettesima assise congressuale della formazione erede dello Sfio di Jean Jaurès, che conta attualmente 159 mila iscritti (di cui solo 131 mila in regola […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • A Plea for Culinary Modernism | Jacobin
      If we urge the Mexican to stay at her metate, the farmer to stay at his olive press, the housewife to stay at her stove instead of going to McDonald’s, all so that we may eat handmade tortillas, traditionally pressed olive oil, and home-cooked meals, we are assuming the mantle of the aristocrats of old. […]
    • L’uomo che fece la rivoluzione al Fmi | Left Wing
      Chi non sembra ancora avvantaggiarsi di questa ritrovata centralità dei temi sociali nel dibattito pubblico sono paradossalmente le forze progressiste europee. La discussione sul rilancio della crescita in Europa continua a ruotare intorno al taglio dei costi di produzione o – nella migliore delle ipotesi – a qualche forma di incentivazione agli investimenti, mentre di redistribuzione […]
    • A tale of two economies | The Economist
      If Italy’s economy is to grow anywhere near as fast as that of the euro zone’s powerhouse, it will have to find some way to narrow its internal divisions.
    • The End of Labour | Jacobin
      Miliband, during the election campaign, tried to reassure middle-class voters that Labour utterly ruled out any SNP influence on policies like austerity or the Trident nuclear system. And while the Labour Party tailed the Tories on austerity, while they imitated Tory language on welfare, while they copied the UK Independence Party (UKIP) on immigration, the SNP defended a […]
    • Padiglione Zero: come ti nutro il pianeta con la Nutella - EXPOsed, l'Expo a nudo - Blog - Le Scienze
      [Il] Padiglione Zero, quello che dovrebbe darci gli strumenti per leggere l’intera manifestazione, è stato “curato e realizzato in collaborazione con Ferrero”. Per carità, gli sponsor sono importanti perché senza di loro, spesso, le cose non si riuscirebbero a realizzare, ma non dovrebbero metter becco nei contenuti. Perché è ovvio che vogliano tirar l'acqua al […]
    • Leonardo: La Fornero e i tecnocrati che non sapevano fare i conti
      Se il ventennio di Berlusconi ci tolse ogni fiducia nella classe imprenditoriale italiana, nella sua capacità di rinnovare o anche soltanto di capire i problemi in cui si dibatteva, i 17 mesi del governo dei professori ci squarciarono il velo sul livello della nostra classe accademica e intellettuale.
    • Piccole cose
      Ogni tanto quando sono giù di morale faccio una cosa, ripenso a tutte le piccole cose che da piccolo non potevo permettermi, oppure i miei non volevano comprarmi, e per averle dovevo per esempio aspettare che me le regalasse qualcuno o che mi capitassero fra le mani un po' di soldi per potermele comprare di […]
    • È la bufala bellezza - Il Sole 24 ORE
      [C]'è una seconda conseguenza ancora più inquietante e pericolosa: oggi, tra le persone – le persone normali, non i fuori di testa che credono ai complotti sull'11 settembre e ai rettiliani – esiste di fatto una realtà parallela. Se l'unica democrazia davvero compiuta è una democrazia informata, le notizie false indeboliscono la democrazia: costruiscono paradigmi […]
    • In qualunque modo si parli di immigrazione, si beve | Francesco Costa
      Ricapitoliamo. I politici malintenzionati dicono cose da fare accapponare la pelle. Quelli benintenzionati vengono sbriciolati prima della pubblicità. Il governo non vuole spendere il suo capitale politico su una faccenda così complicata e impopolare e si appiattisce sul muro, mentre cerca di ottenere dall’Europa qualche spicciolo e nel migliore dei casi una revisione degli accordi. I giornalisti sono in grado […]
    • Leonardo: Aldo Grasso scopre il mercato del lavoro
      Se davvero intorno all’Expo c'è offerta di lavoro, e quell'offerta non incontra la domanda, la questione è molto semplice: l'offerta va ritoccata verso l'alto. Il mercato funziona così, e il moralismo non serve a niente [...] Offerta, domanda, è semplicissimo. I giovani non vogliono lavorare per un tozzo di pane? Non si accontenteranno di un […]