“Retroscenismo gossipparo”

aprile 1st, 2012 § 0 comments § permalink

Mi fate linkare Christian Rocca, mi fate.

Il retroscena all’italiana, spiegano gli autori, però è molto diverso dal modello originario anglosassone, dove è chiaramente diretto a illuminare zone d’ombra o lati oscuri delle vicende pubbliche. Da noi, invece, il retroscena riguarda spesso ricostruzioni di pensieri, umori, punti di vista e deduzioni del giornalista, quasi sempre attribuite tra virgolette, cioè testualmente, ai protagonisti anche se è assai improbabile che abbiano parlato direttamente con il cronista. «Non si può non notare il rischio distorsivo di questa comunicazione», scrive Barbano. Succede, infatti, che quando il leader politico non si riconosce in quelle indiscrezioni riferite tra virgolette, prova inutilmente a smentirle. L’ultima parola spetta al giornalista pronto a ribadirne la veridicità sulla base dell’attendibilità della fonte, dichiarata tale unilateralmente e comunque tenuta segreta. «In sostanza – scrive Barbano – la dichiarata riservatezza delle frasi riportate funge da esimente per il giornalista di fronte all’eventualità di una smentita, sottraendolo all’obbligo di fornire prova della loro veridicità».

Ale, tranquillo! (di patteggiamenti, banche e giornalismo italiano)

febbraio 18th, 2012 § 0 comments § permalink

Anche questo post è per TRed, il blog della sinistra che ha un treno tra mezz’ora e deve ancora preparare la valigia.

Alessandro Gilloli ha scritto un post incazzosissimo sul pateggiamento tra banche e Stati degli USA.

Avete presente, vero, tutta la schifosa speculazone dei mutui subprime, che hanno avuto una parte non indifferente nell’innescare la crisi economica mondiale che stiamo vivendo sulla nostra pelle?

Ecco com’è finita, in questo cazzo di mondo da rovesciare come un calzino

Ma ascoltiamo cosa dice l’attorney general di New York da Rachel Maddow:

O leggiamo il New York Times:

In the agreement’s expected final form, the releases are mostly limited to the foreclosure process, like the eviction of homeowners after only a cursory examination of documents, a practice known as robo-signing.

The prosecutors and regulators still have the right to investigate other elements that contributed to the housing bubble, like the assembly of risky mortgages into securities that were sold to investors and later soured, as well as insurance and tax fraud.

Officials will also be able to pursue any allegations of criminal wrongdoing. In addition, a lawsuit Mr. Schneiderman filed Friday against MERS, an electronic mortgage registry responsible for much of the robo-signing that has marred the foreclosure process nationwide, and three banks, Bank of America, JPMorgan Chase and Wells Fargo, will also go forward

Ovvero: l’accordo, da 26 miliardi di dollari, non riguarda la crisi economica ma solo ed esclusivamente gli illeciti commessi nei pignoramenti; eventuali reati penali sono fuori dall’accordo.

Quindi, no, i “banchieri” non si sono riparati da conseguenze penali e, no, i “banchieri” non l’hanno scampata dalle colpe della crisi.

Mica colpa di Gilloli, eh, lui ha solo letto informazioni sbagliate su quello che una volta era una delle testate più illustri del giornalismo italiano e ora prende sbandate da pagina di Facebook KONTROLEBANKE.

All others must bring data

ottobre 27th, 2010 § 0 comments § permalink

Severgnini, che pure mi piace, ha fatto, per posteri e stranieri, una lista di motivi per cui ci piace Berlusconi.

Come al solito ci piace il filosofo/storico/scrittore/giornalista che ci spiega i motivi di qualcosa per ragion pura, per semplice logica e buon senso. Poi magari un giorno diventeremo un Paese che vuole dei dati, vuole un bel sondaggione fatto come si deve (con pesi, compensazioni e quant’altro) per chiederlo agli Italiani cosa vogliano e perché. O perlomeno in cui affermazioni importanti prima di diventare verità abbiano bisogno di mezzo dato. Non dico Nate Silver però magari ci saremmo potuti risparmiare tanti libri sul nordest, per esempio.

ps “In God we trust, all others must bring data”  - W. Edwards Deming

“Boh, cerca qualcosa con delle schede nella cartella immagini”

settembre 6th, 2010 § 0 comments § permalink

Repubblica ha un nuovo appello (eh va beh), questa volta “contro il porcellum” (ma quindi per l’uninominale? per le preferenze? per cosa?). Ora,  perché con tutte le foto che esistono e che avranno in archivio debbano mettere una foto delle schede delle Primarie per l’elezione del Segretario del Partito Democratico?

That’s why we can’t have nice things! (Repubblica, le primarie, il PD e la politica italiana)

luglio 31st, 2010 § 7 comments § permalink

La Repubblica. Lungo articolo sulle primarie (“gelo di Bersani!”) che dovrebbe concludersi alla terza riga (“le faremo” dice il segretario) ed invece si prolunga con affermazioni non-proprio-pro-primarie di gente che non conta nulla e frasi di indignati per professione che vogliono le primarie (dunque perfettamente d’accordo con Bersani).

Sotto un piccolo trafiletto sui parlamentari PD che vanno a L’Aquila e si dicono pronti ad assumersi la responsabilità politica, insieme al governo, di una tassa per aiutare l’Abruzzo.
Ma teniamolo piccolo e sotto le “polemiche” inesistenti altrimenti passa l’idea che Bersani e il PD stiano facendo qualcosa: dopo come si fa a fare gli indignati “e dove è il PD?” ? Poi magari si rischia di dibattere sul merito delle questioni.

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with giornalismo at Eggs of War.

  • TRed
  • RSS TRed

    • Perché la nostra gente non ci capisce
      Ieri la minoranza cuperliana ha fatto una scelta, quella di appoggiare la staffetta fra Letta e Renzi. Noi abbiamo condiviso questa scelta. Le nostre motivazioni (la debolezza di Letta, la situazione paradossale del Pd di Renzi che fa opposizione al governo che sostiene, l’assurdità del pensare di andare ad elezioni anticipate come se fosse una cosa assoluta […]
    • Non fate presto! (Di leggi elettorali e necessità)
      Noi non contestiamo il fatto che i leader dei principali partiti italiani si incontrino, al contrario. Se uno di questi leader è una persona discutibile, come direbbe il tenente Drebin, la colpa è degli elettori. Più discutibile, come dice correttamente Cuperlo, è l’opportunità di chiuderci immediatamente un accordo, su una proposta tipica di Forza Italia e […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • La scuola non serve a vincere le olimpiadi | Left Wing
      Ma siamo sicuri che sia compito della scuola fornire la base di “reclutamento” dello sport di alta prestazione? La scuola è un tempio, laico, e dovrebbe avere una sua sacralità.
    • Internazionale » Opinioni » Non esistono paesi allegorici
      In ogni caso, a cinque anni dalla bancarotta, l’esperimento islandese – la costituzione riscritta dai cittadini, l’assemblea permanente su internet e nessuna pietà (nessuna giustizia) per i creditori – non sembra aver avuto successo.
    • Leonardo: La lotta tra i grillini e il Movimento
      Qualsiasi altro cittadino eletto dal popolo dopo uno sketch così sarebbe da licenziare, ma appunto: i parlamentari del MoVimento sono cittadini eletti dal popolo, lui no. Lui e il suo cerchio magico (Casaleggio, Messora, Casalino e altra varia e raccogliticcia umanità) non sono tenuti a dar conto delle sciocchezze che dicono e scrivono.
    • Travaglio, Padellaro e il nemico in casa... - Politica - l'Unità - notizie online lavoro, recensioni, cinema, musica
      Belle parole, da sottoscrivere una per una ancora oggi. E sapete chi le scrisse in un editoriale? Sì, proprio Padellaro. A questo punto ci sorge un dubbio: ma non sarà che, alla fine, Marco Beppe Travaglio il nemico se lo ritrova in casa?
    • How In-app Purchases Have Destroyed The Industry (by @baekdal) #opinion
      We have reached a point in which mobile games couldn't even be said to be a game anymore. Playing a game means that you have fun. It doesn't mean that you sit around and wait for the game to annoy you for so long that you decide to pay credits to speed it up.
    • Guia Soncini » Archivio del blog » Quella del primo banco: la più carina, la più stuprabile
      Nel frattempo, mentre scrivevo tutto questo, “Byoblu” ha fatto esattamente ciò che gli chiedevano: si è scusato *con Laura Boldrini*, casomai si fosse offesa. Non: si è ritirato nei boschi a studiare la differenza tra stupro e apprezzamento. Non: ha comprato un vocabolario e un codice penale per imparare a esprimersi senza sembrare completamente cretino oltr […]
    • Leonardo: I rinoceronti e i figli dell'Apocalisse
      Voi pensate che l'Italia possa gestire cinque anni così - pensate che per la stabilità sia sufficiente garantire un numero di seggi, dopodiché per strada possono sbavare finché vogliono. Voi avete in mente cinque anni così.
    • Louie Louie: the ultimate rock rebel anthem | Music | The Guardian
      By the time they spoke to the Kingsmen, the FBI must have known the game was up. It had been looking into Louie Louie for nearly two years – playing the single at different speeds, calling witnesses, getting different experts in to try to work out what the hell the Kingsmen were singing – and it hadn't come up with a single solid piece of evidence that […]
    • Contro la politica dei dispetti | Left Wing
      [C]aratteristica della sinistra in quest’epoca sembra essere proprio un’arrendevolezza che rasenta il disinteresse sulle questioni di merito, compensata da un’intransigenza che sfiora il fanatismo sulle questioni di metodo. Si pensi, per fare un solo esempio, a come una scelta fondamentale e dalle conseguenze concretissime per il futuro di tutti gli italiani […]
    • Per una riforma razionale | Quadernino
      [V]i pare che in questi venti anni di leggi maggioritarie e di premi di maggioranza smisurati sia mancato ai piccoli partiti il potere di veto? Vi pare che abbiamo avuto “governabilità”? Vi sembra che negli ultimi tre anni, con una legge che aveva un premio di maggioranza di proporzioni tali da essere stato appena dichiarato incostituzionale, ci siano mancat […]