“Retroscenismo gossipparo”

aprile 1st, 2012 § 0 comments § permalink

Mi fate linkare Christian Rocca, mi fate.

Il retroscena all’italiana, spiegano gli autori, però è molto diverso dal modello originario anglosassone, dove è chiaramente diretto a illuminare zone d’ombra o lati oscuri delle vicende pubbliche. Da noi, invece, il retroscena riguarda spesso ricostruzioni di pensieri, umori, punti di vista e deduzioni del giornalista, quasi sempre attribuite tra virgolette, cioè testualmente, ai protagonisti anche se è assai improbabile che abbiano parlato direttamente con il cronista. «Non si può non notare il rischio distorsivo di questa comunicazione», scrive Barbano. Succede, infatti, che quando il leader politico non si riconosce in quelle indiscrezioni riferite tra virgolette, prova inutilmente a smentirle. L’ultima parola spetta al giornalista pronto a ribadirne la veridicità sulla base dell’attendibilità della fonte, dichiarata tale unilateralmente e comunque tenuta segreta. «In sostanza – scrive Barbano – la dichiarata riservatezza delle frasi riportate funge da esimente per il giornalista di fronte all’eventualità di una smentita, sottraendolo all’obbligo di fornire prova della loro veridicità».

Ale, tranquillo! (di patteggiamenti, banche e giornalismo italiano)

febbraio 18th, 2012 § 0 comments § permalink

Anche questo post è per TRed, il blog della sinistra che ha un treno tra mezz’ora e deve ancora preparare la valigia.

Alessandro Gilloli ha scritto un post incazzosissimo sul pateggiamento tra banche e Stati degli USA.

Avete presente, vero, tutta la schifosa speculazone dei mutui subprime, che hanno avuto una parte non indifferente nell’innescare la crisi economica mondiale che stiamo vivendo sulla nostra pelle?

Ecco com’è finita, in questo cazzo di mondo da rovesciare come un calzino

Ma ascoltiamo cosa dice l’attorney general di New York da Rachel Maddow:

O leggiamo il New York Times:

In the agreement’s expected final form, the releases are mostly limited to the foreclosure process, like the eviction of homeowners after only a cursory examination of documents, a practice known as robo-signing.

The prosecutors and regulators still have the right to investigate other elements that contributed to the housing bubble, like the assembly of risky mortgages into securities that were sold to investors and later soured, as well as insurance and tax fraud.

Officials will also be able to pursue any allegations of criminal wrongdoing. In addition, a lawsuit Mr. Schneiderman filed Friday against MERS, an electronic mortgage registry responsible for much of the robo-signing that has marred the foreclosure process nationwide, and three banks, Bank of America, JPMorgan Chase and Wells Fargo, will also go forward

Ovvero: l’accordo, da 26 miliardi di dollari, non riguarda la crisi economica ma solo ed esclusivamente gli illeciti commessi nei pignoramenti; eventuali reati penali sono fuori dall’accordo.

Quindi, no, i “banchieri” non si sono riparati da conseguenze penali e, no, i “banchieri” non l’hanno scampata dalle colpe della crisi.

Mica colpa di Gilloli, eh, lui ha solo letto informazioni sbagliate su quello che una volta era una delle testate più illustri del giornalismo italiano e ora prende sbandate da pagina di Facebook KONTROLEBANKE.

All others must bring data

ottobre 27th, 2010 § 0 comments § permalink

Severgnini, che pure mi piace, ha fatto, per posteri e stranieri, una lista di motivi per cui ci piace Berlusconi.

Come al solito ci piace il filosofo/storico/scrittore/giornalista che ci spiega i motivi di qualcosa per ragion pura, per semplice logica e buon senso. Poi magari un giorno diventeremo un Paese che vuole dei dati, vuole un bel sondaggione fatto come si deve (con pesi, compensazioni e quant’altro) per chiederlo agli Italiani cosa vogliano e perché. O perlomeno in cui affermazioni importanti prima di diventare verità abbiano bisogno di mezzo dato. Non dico Nate Silver però magari ci saremmo potuti risparmiare tanti libri sul nordest, per esempio.

ps “In God we trust, all others must bring data”  – W. Edwards Deming

“Boh, cerca qualcosa con delle schede nella cartella immagini”

settembre 6th, 2010 § 0 comments § permalink

Repubblica ha un nuovo appello (eh va beh), questa volta “contro il porcellum” (ma quindi per l’uninominale? per le preferenze? per cosa?). Ora,  perché con tutte le foto che esistono e che avranno in archivio debbano mettere una foto delle schede delle Primarie per l’elezione del Segretario del Partito Democratico?

That’s why we can’t have nice things! (Repubblica, le primarie, il PD e la politica italiana)

luglio 31st, 2010 § 7 comments § permalink

La Repubblica. Lungo articolo sulle primarie (“gelo di Bersani!”) che dovrebbe concludersi alla terza riga (“le faremo” dice il segretario) ed invece si prolunga con affermazioni non-proprio-pro-primarie di gente che non conta nulla e frasi di indignati per professione che vogliono le primarie (dunque perfettamente d’accordo con Bersani).

Sotto un piccolo trafiletto sui parlamentari PD che vanno a L’Aquila e si dicono pronti ad assumersi la responsabilità politica, insieme al governo, di una tassa per aiutare l’Abruzzo.
Ma teniamolo piccolo e sotto le “polemiche” inesistenti altrimenti passa l’idea che Bersani e il PD stiano facendo qualcosa: dopo come si fa a fare gli indignati “e dove è il PD?” ? Poi magari si rischia di dibattere sul merito delle questioni.

Where Am I?

You are currently browsing entries tagged with giornalismo at Eggs of War.

  • TRed
  • RSS TRed

    • Il voto clientelare non è integrazione
      Le polemiche sul voto “cinese” alle primarie di Milano andranno sicuramente a spegnersi nel giro di qualche ora, così come tutte le polemiche legate alla contingenza. Ma le reazioni alle accuse (spesso sopra le righe) del M5S da parte degli esponenti del Pd dimostrano una concezione piuttosto interessante di come venga concepita l’integrazione dei cittadini […]
    • A cosa serve vincere un Comune
      La varie anime della sinistra italiana (parlamentare, extraparlamentare, cisgoverntiva, infragovernativa) si preparano alla tornata delle amministrative di quest’anno lambiccandosi fra strategie elettorali e rinnovato ulivismo. Certo, con una legge elettorale ipermaggioritaria e presidenzialista (mortacci sua) non potrebbe essere altrimenti. Ma in questo dibattito si perde qualcosa, e qualcosa di abbastanza centrale: a cosa serve vincere […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • Uber is no better than an old-fashioned gangmaster – so London’s cabbies are striking | Trevor Merralls | Opinion | The Guardian
      Yet any criticism of Uber’s business model is treated as an attack on the new digital economy. This could not be further from the truth, as far as I’m concerned. There are huge numbers of digital companies doing great things for the economy. I use a few of them in my cab. Uber’s profitability, however, […]
    • Le unioni civili accerchiate da spettri e pregiudizi - Claudio Rossi Marcelli - Internazionale
      Perché la questione della maternità surrogata irrompe sulla scena politica solo quando si parla di coppie omosessuali, che rappresentano una casistica molto limitata? Semplice: le associazioni religiose e i movimenti omofobi hanno capito molto presto che la gestazione per altri era l’unico argomento su cui si poteva fare leva per generare il panico tra l’opinione […]
    • David Bowie and the Rise of the Grief Police - The Atlantic
      The outcry of love and sadness after the news of Bowie’s death—that heavy sense that the world had been permanently dented—was, on top of everything else, evidence of the new way of mourning. Taking to the Internet to share and cry and commiserate is now part of how we cope with a loss. It is […]
    • Leonardo: La satira del razzismo è comunque razzismo?
      Che differenza c'è tra un messaggio stupido e razzista e la parodia di un messaggio stupido e razzista? Nessuna.
    • The Website Obesity Crisis
      Let’s commit to the idea that as computers get faster, and as networks get faster, the web should also get faster.
    • The problem with science journalism: we’ve forgotten that reality matters most | Media | The Guardian
      To me, this showed a twisted view of science journalism. Should political journalists stick to positive profiles of politicians? Should business writers only consider the positives from a company’s actions? Should those who write about literature ignore the intent of the pieces they cover? Of course not. And the same goes for science.
    • Why so many of the health articles you read are junk - Vox
      One new study, published in the British Medical Journal, assigns a large fraction of blame to the press shops at various research universities. The study found that releases from these offices often overhype the findings of their scientists — while journalists play along uncritically, parroting whatever showed up in their inbox that day.
    • Uber's Labor-Free Fantasy Won't Last Forever
      A business model based on paying workers too little to live—a business model in which a company must fight viciously against workers’ attempts to unionize, because unions are considered an existential threat—is not a real business model at all. It is arbitrage of poor regulation. It is a con job. And it can’t last forever.
    • Hitler Wasn’t Inevitable | Jacobin
      Instead of submitting to this analytical double-bind, we should reclaim a view of history that acknowledges the conflictual and contested nature of social change. Fascism is never inevitable, but is rather the outcome of a confrontation between radically opposed social forces. Wherever there are fascists, there will likely be socialists and other leftists fighting against […]
    • L'attentato di Parigi ha mostrato il vero livello dell'informazione in Italia | VICE | Italia
      L'importante, la cosa da sottolineare, è che quel giornalista della RAI era approssimativo, capzioso e anche arrogante. I giornalisti sportivi di Rete Sport stavano fornendo un servizio alla comunità incommensurabilmente migliore, nonostante (o forse proprio per il fatto che) ad ogni piè sospinto ci tenessero a sottolineare di non essere specialisti in materia.