Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler

settembre 17th, 2010 § 0 comments

Nell’ultimo anno e mezzo in America hanno scoperto la piazza e tutto il mondo delle manifestazioni che noi abbiamo scoperto nel 1950 e c’è piaciuto così tanto che non l’abbiamo mai lasciato. Hanno scoperto gli estremismi e il radicamento nel territorio, hanno preso un movimento (una specie di girotondi di destra) con percentuali da movimento e l’hanno trasformato in caso nazionale, distruggendo i repubblicani moderati. Terrore, “bisogna fermarli!”, leggende metropolitane, teorie del complotto e “riprendiamoci il Paese!”.

L’ultima colpo (prima di far vincere le primarie a Christine la-masturbazione-è-adulterio O’Donnell) è stata la megamanifestazione di Glenn fuori-con-tutto Beck: “Restoring Honor”, restituire onore agli Stati Uniti, organizzata non a caso nell’anniversario del discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King, nello stesso luogo; i militanti sono stati un po’ delusi, si aspettavano qualche antiobamata e invece si sono beccati un sermone su Dio.

Jon Stewart, del fake news show di Comedy Central, ha annunciato anche lui una manifestazione nello stesso luogo: Rally to Restore Sanity, “manifestazione per restaurare la sanità mentale” con (più o meno) queste parole:

Io credo che viviamo in un mondo con veri problemi, che richiedono vere, anche se imperfette, soluzioni; e credo che il 70-80% di noi è disposto a provarle e potrebbe sicuramente viverci.Sfortunatamente la conversazione e il processo decisionale è controllato dal restante 15-20%. Potrete conoscerli come quelli che credono che Obama sia segretamente un mussulmano che cerca di stabilire il socialismo in America per poter forzare le sue misure da chiesa cristiana nera di liberazione. O che Bush abbia lasciato che avvenisse l’Undici Settembre [...] Abbiamo visto questa gente, questa gente rumorosa dominare la conversazione. [...] Ma perché non sentiamo la voce di quel 70-80%? Principalmente perché avete roba da fare [...] e se non aveste da fare, potrebbe mancarvi la volontà teatrale necessaria. Ma questo finisce oggi.

Noi abbiamo un movimento con il 12-13 nazionale e in alcune parti il 30 che monopolizza il dibattito e si sente così padrone del mondo da mettere i simboli nelle scuole; noi abbiamo lunghi parlarsi addosso del nulla sui nostri bei paginoni di Repubblica e panini dei telegiornali; abbiamo poi le bellissime manifestazioni colorate con numeri quadruplicati contro tutto e tutti ed il nulla in mente e chiamiamo tutto questo politica, senza fare nessuna politica, intesa come ricerca e scelta di soluzioni. Lo facciamo anche noi il Restore Sanity? Facciamo una manifestazione pacifica per una politica che parli di politica e faccia politica? Farei pure un’eccezione al mio disinteresse per le manifestazioni (per i motivi di Francesco Costa).

L’annuncio:

The Daily Show With Jon Stewart Mon – Thurs 11p / 10c
Rally to Restore Sanity
www.thedailyshow.com
Daily Show Full Episodes Political Humor Tea Party

Tagged , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler at Eggs of War.

meta

  • TRed
  • RSS TRed

    • Il nostro 25 ottobre
      Del 25 ottobre a Roma ci rimarranno le bandiere, i colori, la sensazione di essere tantissimi (“Girati e guarda, non si vede la fine!”), i tantissimi studenti da tutta Italia (è sempre bello ritrovare tutti quelli che conosci, è ancora più bello trovarne tantissimi mai visti e con lo sguardo di chi è in una cosa così per la prima volta), i lavoratori di Gioi
    • Si potrebbe nominare un responsabile Organizzazione, per esempio
      E’ di oggi la notizia che le tessere 2014 del Pd non stiano andando a ruba: c’è chi dice che siamo sui 60 mila rinnovi, chi sui 100 mila.  Ci sono alcuni dati da considerare: in primo luogo, nel terribile 2013 (ve le ricordate le Politiche di Bersani?), il Pd era comunque riuscito a fare 539.354 iscritti, quasi 40 mila in più rispetto all’anno precedente. Di
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro