Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler

settembre 17th, 2010 § 0 comments

Nell’ultimo anno e mezzo in America hanno scoperto la piazza e tutto il mondo delle manifestazioni che noi abbiamo scoperto nel 1950 e c’è piaciuto così tanto che non l’abbiamo mai lasciato. Hanno scoperto gli estremismi e il radicamento nel territorio, hanno preso un movimento (una specie di girotondi di destra) con percentuali da movimento e l’hanno trasformato in caso nazionale, distruggendo i repubblicani moderati. Terrore, “bisogna fermarli!”, leggende metropolitane, teorie del complotto e “riprendiamoci il Paese!”.

L’ultima colpo (prima di far vincere le primarie a Christine la-masturbazione-è-adulterio O’Donnell) è stata la megamanifestazione di Glenn fuori-con-tutto Beck: “Restoring Honor”, restituire onore agli Stati Uniti, organizzata non a caso nell’anniversario del discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King, nello stesso luogo; i militanti sono stati un po’ delusi, si aspettavano qualche antiobamata e invece si sono beccati un sermone su Dio.

Jon Stewart, del fake news show di Comedy Central, ha annunciato anche lui una manifestazione nello stesso luogo: Rally to Restore Sanity, “manifestazione per restaurare la sanità mentale” con (più o meno) queste parole:

Io credo che viviamo in un mondo con veri problemi, che richiedono vere, anche se imperfette, soluzioni; e credo che il 70-80% di noi è disposto a provarle e potrebbe sicuramente viverci.Sfortunatamente la conversazione e il processo decisionale è controllato dal restante 15-20%. Potrete conoscerli come quelli che credono che Obama sia segretamente un mussulmano che cerca di stabilire il socialismo in America per poter forzare le sue misure da chiesa cristiana nera di liberazione. O che Bush abbia lasciato che avvenisse l’Undici Settembre [...] Abbiamo visto questa gente, questa gente rumorosa dominare la conversazione. [...] Ma perché non sentiamo la voce di quel 70-80%? Principalmente perché avete roba da fare [...] e se non aveste da fare, potrebbe mancarvi la volontà teatrale necessaria. Ma questo finisce oggi.

Noi abbiamo un movimento con il 12-13 nazionale e in alcune parti il 30 che monopolizza il dibattito e si sente così padrone del mondo da mettere i simboli nelle scuole; noi abbiamo lunghi parlarsi addosso del nulla sui nostri bei paginoni di Repubblica e panini dei telegiornali; abbiamo poi le bellissime manifestazioni colorate con numeri quadruplicati contro tutto e tutti ed il nulla in mente e chiamiamo tutto questo politica, senza fare nessuna politica, intesa come ricerca e scelta di soluzioni. Lo facciamo anche noi il Restore Sanity? Facciamo una manifestazione pacifica per una politica che parli di politica e faccia politica? Farei pure un’eccezione al mio disinteresse per le manifestazioni (per i motivi di Francesco Costa).

L’annuncio:

The Daily Show With Jon Stewart Mon – Thurs 11p / 10c
Rally to Restore Sanity
www.thedailyshow.com
Daily Show Full Episodes Political Humor Tea Party

Tagged , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler at Eggs of War.

meta

  • TRed
  • RSS TRed

    • 21 cose sulle Riforme Costituzionali che forse non sapete! Ovvero: TRed segue la Commissione Affari Costituzionali per voi!
      Avete perso l’ultimo passaggio della seduta fiume della Commissione Affari Costituzionali? Non c’è problema! Noi di TRed, infischiandocene della sessione estiva, abbiamo letto la bozza delle Riforme Costituzionali di Renzi1come uscita dalla Commissione e ve la riassumiamo. Il Senato si chiama Senato della Repubblica. Non Senato delle Autonomie, come nella pr […]
    • Come non fare la fine della sinistra del Psi
      Il 12 luglio 1976 in Comitato Centrale del Partito Socialista Italiano elesse Bettino Craxi segretario nazionale: doveva essere un segretario a tempo, lo rimase fino al 1993. Il Psi del ‘93 era molto diverso da quello del 1976, tanto ideologicamente quanto per composizione sociale della base militante e di quella elettorale; sarebbe però profondamente sbagli […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • In difesa di Mario Balotelli | Tagli
      È vero, Mario Balotelli ha deluso, come hanno deluso tutti. Ma gli uomini veri, cari veterani vestiti d’azzurro, sono in grado di assumersi le proprie responsabilità. Soprattutto quando si perde.
    • Il tradimento dei professori | Left Wing
      La sinistra politica è stata crocifissa mille volte per milioni di sciocchezze, mai per le sue vere responsabilità
    • La scuola non serve a vincere le olimpiadi | Left Wing
      Ma siamo sicuri che sia compito della scuola fornire la base di “reclutamento” dello sport di alta prestazione? La scuola è un tempio, laico, e dovrebbe avere una sua sacralità.
    • Internazionale » Opinioni » Non esistono paesi allegorici
      In ogni caso, a cinque anni dalla bancarotta, l’esperimento islandese – la costituzione riscritta dai cittadini, l’assemblea permanente su internet e nessuna pietà (nessuna giustizia) per i creditori – non sembra aver avuto successo.
    • Leonardo: La lotta tra i grillini e il Movimento
      Qualsiasi altro cittadino eletto dal popolo dopo uno sketch così sarebbe da licenziare, ma appunto: i parlamentari del MoVimento sono cittadini eletti dal popolo, lui no. Lui e il suo cerchio magico (Casaleggio, Messora, Casalino e altra varia e raccogliticcia umanità) non sono tenuti a dar conto delle sciocchezze che dicono e scrivono.
    • Travaglio, Padellaro e il nemico in casa... - Politica - l'Unità - notizie online lavoro, recensioni, cinema, musica
      Belle parole, da sottoscrivere una per una ancora oggi. E sapete chi le scrisse in un editoriale? Sì, proprio Padellaro. A questo punto ci sorge un dubbio: ma non sarà che, alla fine, Marco Beppe Travaglio il nemico se lo ritrova in casa?
    • How In-app Purchases Have Destroyed The Industry (by @baekdal) #opinion
      We have reached a point in which mobile games couldn't even be said to be a game anymore. Playing a game means that you have fun. It doesn't mean that you sit around and wait for the game to annoy you for so long that you decide to pay credits to speed it up.
    • Guia Soncini » Archivio del blog » Quella del primo banco: la più carina, la più stuprabile
      Nel frattempo, mentre scrivevo tutto questo, “Byoblu” ha fatto esattamente ciò che gli chiedevano: si è scusato *con Laura Boldrini*, casomai si fosse offesa. Non: si è ritirato nei boschi a studiare la differenza tra stupro e apprezzamento. Non: ha comprato un vocabolario e un codice penale per imparare a esprimersi senza sembrare completamente cretino oltr […]
    • Leonardo: I rinoceronti e i figli dell'Apocalisse
      Voi pensate che l'Italia possa gestire cinque anni così - pensate che per la stabilità sia sufficiente garantire un numero di seggi, dopodiché per strada possono sbavare finché vogliono. Voi avete in mente cinque anni così.
    • Louie Louie: the ultimate rock rebel anthem | Music | The Guardian
      By the time they spoke to the Kingsmen, the FBI must have known the game was up. It had been looking into Louie Louie for nearly two years – playing the single at different speeds, calling witnesses, getting different experts in to try to work out what the hell the Kingsmen were singing – and it hadn't come up with a single solid piece of evidence that […]