Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler

settembre 17th, 2010 § 0 comments

Nell’ultimo anno e mezzo in America hanno scoperto la piazza e tutto il mondo delle manifestazioni che noi abbiamo scoperto nel 1950 e c’è piaciuto così tanto che non l’abbiamo mai lasciato. Hanno scoperto gli estremismi e il radicamento nel territorio, hanno preso un movimento (una specie di girotondi di destra) con percentuali da movimento e l’hanno trasformato in caso nazionale, distruggendo i repubblicani moderati. Terrore, “bisogna fermarli!”, leggende metropolitane, teorie del complotto e “riprendiamoci il Paese!”.

L’ultima colpo (prima di far vincere le primarie a Christine la-masturbazione-è-adulterio O’Donnell) è stata la megamanifestazione di Glenn fuori-con-tutto Beck: “Restoring Honor”, restituire onore agli Stati Uniti, organizzata non a caso nell’anniversario del discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King, nello stesso luogo; i militanti sono stati un po’ delusi, si aspettavano qualche antiobamata e invece si sono beccati un sermone su Dio.

Jon Stewart, del fake news show di Comedy Central, ha annunciato anche lui una manifestazione nello stesso luogo: Rally to Restore Sanity, “manifestazione per restaurare la sanità mentale” con (più o meno) queste parole:

Io credo che viviamo in un mondo con veri problemi, che richiedono vere, anche se imperfette, soluzioni; e credo che il 70-80% di noi è disposto a provarle e potrebbe sicuramente viverci.Sfortunatamente la conversazione e il processo decisionale è controllato dal restante 15-20%. Potrete conoscerli come quelli che credono che Obama sia segretamente un mussulmano che cerca di stabilire il socialismo in America per poter forzare le sue misure da chiesa cristiana nera di liberazione. O che Bush abbia lasciato che avvenisse l’Undici Settembre […] Abbiamo visto questa gente, questa gente rumorosa dominare la conversazione. […] Ma perché non sentiamo la voce di quel 70-80%? Principalmente perché avete roba da fare […] e se non aveste da fare, potrebbe mancarvi la volontà teatrale necessaria. Ma questo finisce oggi.

Noi abbiamo un movimento con il 12-13 nazionale e in alcune parti il 30 che monopolizza il dibattito e si sente così padrone del mondo da mettere i simboli nelle scuole; noi abbiamo lunghi parlarsi addosso del nulla sui nostri bei paginoni di Repubblica e panini dei telegiornali; abbiamo poi le bellissime manifestazioni colorate con numeri quadruplicati contro tutto e tutti ed il nulla in mente e chiamiamo tutto questo politica, senza fare nessuna politica, intesa come ricerca e scelta di soluzioni. Lo facciamo anche noi il Restore Sanity? Facciamo una manifestazione pacifica per una politica che parli di politica e faccia politica? Farei pure un’eccezione al mio disinteresse per le manifestazioni (per i motivi di Francesco Costa).

L’annuncio:

The Daily Show With Jon Stewart Mon – Thurs 11p / 10c
Rally to Restore Sanity
www.thedailyshow.com
Daily Show Full Episodes Political Humor Tea Party

Tagged , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler at Eggs of War.

meta

  • TRed
  • RSS TRed

    • Il voto clientelare non è integrazione
      Le polemiche sul voto “cinese” alle primarie di Milano andranno sicuramente a spegnersi nel giro di qualche ora, così come tutte le polemiche legate alla contingenza. Ma le reazioni alle accuse (spesso sopra le righe) del M5S da parte degli esponenti del Pd dimostrano una concezione piuttosto interessante di come venga concepita l’integrazione dei cittadini […]
    • A cosa serve vincere un Comune
      La varie anime della sinistra italiana (parlamentare, extraparlamentare, cisgoverntiva, infragovernativa) si preparano alla tornata delle amministrative di quest’anno lambiccandosi fra strategie elettorali e rinnovato ulivismo. Certo, con una legge elettorale ipermaggioritaria e presidenzialista (mortacci sua) non potrebbe essere altrimenti. Ma in questo dibattito si perde qualcosa, e qualcosa di abbastanza centrale: a cosa serve vincere […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • Le unioni civili accerchiate da spettri e pregiudizi - Claudio Rossi Marcelli - Internazionale
      Perché la questione della maternità surrogata irrompe sulla scena politica solo quando si parla di coppie omosessuali, che rappresentano una casistica molto limitata? Semplice: le associazioni religiose e i movimenti omofobi hanno capito molto presto che la gestazione per altri era l’unico argomento su cui si poteva fare leva per generare il panico tra l’opinione […]
    • David Bowie and the Rise of the Grief Police - The Atlantic
      The outcry of love and sadness after the news of Bowie’s death—that heavy sense that the world had been permanently dented—was, on top of everything else, evidence of the new way of mourning. Taking to the Internet to share and cry and commiserate is now part of how we cope with a loss. It is […]
    • Leonardo: La satira del razzismo è comunque razzismo?
      Che differenza c'è tra un messaggio stupido e razzista e la parodia di un messaggio stupido e razzista? Nessuna.
    • The Website Obesity Crisis
      Let’s commit to the idea that as computers get faster, and as networks get faster, the web should also get faster.
    • The problem with science journalism: we’ve forgotten that reality matters most | Media | The Guardian
      To me, this showed a twisted view of science journalism. Should political journalists stick to positive profiles of politicians? Should business writers only consider the positives from a company’s actions? Should those who write about literature ignore the intent of the pieces they cover? Of course not. And the same goes for science.
    • Why so many of the health articles you read are junk - Vox
      One new study, published in the British Medical Journal, assigns a large fraction of blame to the press shops at various research universities. The study found that releases from these offices often overhype the findings of their scientists — while journalists play along uncritically, parroting whatever showed up in their inbox that day.
    • Uber's Labor-Free Fantasy Won't Last Forever
      A business model based on paying workers too little to live—a business model in which a company must fight viciously against workers’ attempts to unionize, because unions are considered an existential threat—is not a real business model at all. It is arbitrage of poor regulation. It is a con job. And it can’t last forever.
    • Hitler Wasn’t Inevitable | Jacobin
      Instead of submitting to this analytical double-bind, we should reclaim a view of history that acknowledges the conflictual and contested nature of social change. Fascism is never inevitable, but is rather the outcome of a confrontation between radically opposed social forces. Wherever there are fascists, there will likely be socialists and other leftists fighting against […]
    • L'attentato di Parigi ha mostrato il vero livello dell'informazione in Italia | VICE | Italia
      L'importante, la cosa da sottolineare, è che quel giornalista della RAI era approssimativo, capzioso e anche arrogante. I giornalisti sportivi di Rete Sport stavano fornendo un servizio alla comunità incommensurabilmente migliore, nonostante (o forse proprio per il fatto che) ad ogni piè sospinto ci tenessero a sottolineare di non essere specialisti in materia.
    • The Phony Islam of ISIS: A Response to The Atlantic's ISIS Story - The Atlantic
      The group's interpretation of the religion is not literal. It is not serious. And saying otherwise puts Muslims in an impossible situation.