Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler

settembre 17th, 2010 § 0 comments

Nell’ultimo anno e mezzo in America hanno scoperto la piazza e tutto il mondo delle manifestazioni che noi abbiamo scoperto nel 1950 e c’è piaciuto così tanto che non l’abbiamo mai lasciato. Hanno scoperto gli estremismi e il radicamento nel territorio, hanno preso un movimento (una specie di girotondi di destra) con percentuali da movimento e l’hanno trasformato in caso nazionale, distruggendo i repubblicani moderati. Terrore, “bisogna fermarli!”, leggende metropolitane, teorie del complotto e “riprendiamoci il Paese!”.

L’ultima colpo (prima di far vincere le primarie a Christine la-masturbazione-è-adulterio O’Donnell) è stata la megamanifestazione di Glenn fuori-con-tutto Beck: “Restoring Honor”, restituire onore agli Stati Uniti, organizzata non a caso nell’anniversario del discorso “I Have a Dream” di Martin Luther King, nello stesso luogo; i militanti sono stati un po’ delusi, si aspettavano qualche antiobamata e invece si sono beccati un sermone su Dio.

Jon Stewart, del fake news show di Comedy Central, ha annunciato anche lui una manifestazione nello stesso luogo: Rally to Restore Sanity, “manifestazione per restaurare la sanità mentale” con (più o meno) queste parole:

Io credo che viviamo in un mondo con veri problemi, che richiedono vere, anche se imperfette, soluzioni; e credo che il 70-80% di noi è disposto a provarle e potrebbe sicuramente viverci.Sfortunatamente la conversazione e il processo decisionale è controllato dal restante 15-20%. Potrete conoscerli come quelli che credono che Obama sia segretamente un mussulmano che cerca di stabilire il socialismo in America per poter forzare le sue misure da chiesa cristiana nera di liberazione. O che Bush abbia lasciato che avvenisse l’Undici Settembre […] Abbiamo visto questa gente, questa gente rumorosa dominare la conversazione. […] Ma perché non sentiamo la voce di quel 70-80%? Principalmente perché avete roba da fare […] e se non aveste da fare, potrebbe mancarvi la volontà teatrale necessaria. Ma questo finisce oggi.

Noi abbiamo un movimento con il 12-13 nazionale e in alcune parti il 30 che monopolizza il dibattito e si sente così padrone del mondo da mettere i simboli nelle scuole; noi abbiamo lunghi parlarsi addosso del nulla sui nostri bei paginoni di Repubblica e panini dei telegiornali; abbiamo poi le bellissime manifestazioni colorate con numeri quadruplicati contro tutto e tutti ed il nulla in mente e chiamiamo tutto questo politica, senza fare nessuna politica, intesa come ricerca e scelta di soluzioni. Lo facciamo anche noi il Restore Sanity? Facciamo una manifestazione pacifica per una politica che parli di politica e faccia politica? Farei pure un’eccezione al mio disinteresse per le manifestazioni (per i motivi di Francesco Costa).

L’annuncio:

The Daily Show With Jon Stewart Mon – Thurs 11p / 10c
Rally to Restore Sanity
www.thedailyshow.com
Daily Show Full Episodes Political Humor Tea Party

Tagged , , , , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Sono abbastanza sicuro tu non sia Hitler at Eggs of War.

meta

  • TRed
  • RSS TRed

    • Tutto quello che dovete sapere sul congresso del Parti Socialiste di Hollande
      Giovedì 21 maggio gli iscritti del Partito socialista francese saranno chiamati a votare le quattro mozioni che si contendono il Congresso di Poitiers (5-7 giugno). Sarà questo il primo atto della settantasettesima assise congressuale della formazione erede dello Sfio di Jean Jaurès, che conta attualmente 159 mila iscritti (di cui solo 131 mila in regola […]
    • Come il Labour eleggerà il nuovo leader
      Dopo la cocente sconfitta delle elezioni generali e le dimissioni di Ed Miliband, si apre ora per il Labour la fase congressuale. Fin dal 19831 il leader è sempre stato eletto con un sistema che ripartiva i voti alle tre “gambe” del partito: il gruppo parlamentare, gli iscritti alle federazioni territoriali e gli iscritti alle organizzazioni […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • L’uomo che fece la rivoluzione al Fmi | Left Wing
      Chi non sembra ancora avvantaggiarsi di questa ritrovata centralità dei temi sociali nel dibattito pubblico sono paradossalmente le forze progressiste europee. La discussione sul rilancio della crescita in Europa continua a ruotare intorno al taglio dei costi di produzione o – nella migliore delle ipotesi – a qualche forma di incentivazione agli investimenti, mentre di redistribuzione […]
    • A tale of two economies | The Economist
      If Italy’s economy is to grow anywhere near as fast as that of the euro zone’s powerhouse, it will have to find some way to narrow its internal divisions.
    • The End of Labour | Jacobin
      Miliband, during the election campaign, tried to reassure middle-class voters that Labour utterly ruled out any SNP influence on policies like austerity or the Trident nuclear system. And while the Labour Party tailed the Tories on austerity, while they imitated Tory language on welfare, while they copied the UK Independence Party (UKIP) on immigration, the SNP defended a […]
    • Padiglione Zero: come ti nutro il pianeta con la Nutella - EXPOsed, l'Expo a nudo - Blog - Le Scienze
      [Il] Padiglione Zero, quello che dovrebbe darci gli strumenti per leggere l’intera manifestazione, è stato “curato e realizzato in collaborazione con Ferrero”. Per carità, gli sponsor sono importanti perché senza di loro, spesso, le cose non si riuscirebbero a realizzare, ma non dovrebbero metter becco nei contenuti. Perché è ovvio che vogliano tirar l'acqua al […]
    • Leonardo: La Fornero e i tecnocrati che non sapevano fare i conti
      Se il ventennio di Berlusconi ci tolse ogni fiducia nella classe imprenditoriale italiana, nella sua capacità di rinnovare o anche soltanto di capire i problemi in cui si dibatteva, i 17 mesi del governo dei professori ci squarciarono il velo sul livello della nostra classe accademica e intellettuale.
    • Piccole cose
      Ogni tanto quando sono giù di morale faccio una cosa, ripenso a tutte le piccole cose che da piccolo non potevo permettermi, oppure i miei non volevano comprarmi, e per averle dovevo per esempio aspettare che me le regalasse qualcuno o che mi capitassero fra le mani un po' di soldi per potermele comprare di […]
    • È la bufala bellezza - Il Sole 24 ORE
      [C]'è una seconda conseguenza ancora più inquietante e pericolosa: oggi, tra le persone – le persone normali, non i fuori di testa che credono ai complotti sull'11 settembre e ai rettiliani – esiste di fatto una realtà parallela. Se l'unica democrazia davvero compiuta è una democrazia informata, le notizie false indeboliscono la democrazia: costruiscono paradigmi […]
    • In qualunque modo si parli di immigrazione, si beve | Francesco Costa
      Ricapitoliamo. I politici malintenzionati dicono cose da fare accapponare la pelle. Quelli benintenzionati vengono sbriciolati prima della pubblicità. Il governo non vuole spendere il suo capitale politico su una faccenda così complicata e impopolare e si appiattisce sul muro, mentre cerca di ottenere dall’Europa qualche spicciolo e nel migliore dei casi una revisione degli accordi. I giornalisti sono in grado […]
    • Leonardo: Aldo Grasso scopre il mercato del lavoro
      Se davvero intorno all’Expo c'è offerta di lavoro, e quell'offerta non incontra la domanda, la questione è molto semplice: l'offerta va ritoccata verso l'alto. Il mercato funziona così, e il moralismo non serve a niente [...] Offerta, domanda, è semplicissimo. I giovani non vogliono lavorare per un tozzo di pane? Non si accontenteranno di un […]
    • Britain’s most racist election: the story of Smethwick, 50 years on | World news | The Guardian
      Peter Griffiths, Conservative, had been elected in the previous year’s general election on the slogan «If you want a nigger for a neighbour, vote Labour.» [...] One reason the Tories refused to condemn Griffiths was that he had found the Conservatives’ holy grail – undermining industrial working-class support for Labour.