Quello che penso sulle intercettazioni (ovvero di Giovanardi e di un primario ciellino)

maggio 24th, 2010 § 8 comments

“Non si può investire della cultura del sospetto tutto e tutti”, diceva Falcone. Perché “la cultura del sospetto non è l’anticamera della verità. La cultura del sospetto è l’anticamera del komeinismo”.

1. Limitare ulteriormente i reati per cui si può intercettare non è un’idea furba, sono contrario.

2. Se si vuole risparmiare e rendere più efficiente la spesa della giustizia, facciamolo ma globalmente non solo per quanto riguarda le intercettazioni. E in quel caso si più parlare di un sistema d’incentivi.

3. Per quanto mi dia fastidio il concetto di limitare cosa un giornale può scrivere, non vedo altre soluzioni: in Italia le intercettazioni pubblicate servono o come arma contro l’avversario (le scalate del 2005, Fassino “Abbiamo una banca”), per vendere copie a discapito della riservatezza delle persone oppure per lanciare campagne moralizzanti retrograde e pure un po’ fasciste.

4. Che una parte (vedi alla voce Repubblica) stia giocando a “noi contro il bavaglio dei potenti” è ridicolo. Se ritengono che fare informazione sia pubblicare intercettazioni parziali, fuori contesto, illegali e scelte da chi le ha fatte diffondere invece che aspettare un atto ufficiale che rilasci quelle necessarie e contestualizzate, vivono nel secolo e nel luogo sbagliato.

5. Io ritengo il diritto alla riservatezza qualcosa d’importante: si può derogare con le dovute garanzie ma esiste.

Non stiamo parlando di niente di diverso da Giovanardi che fa controlli antidroga a sorpresa nei bagni pubblici e nei bicchieri abbandonati per poi pubblicarli sui giornali.

Non stiamo parlando di niente di diverso da un primario ciellino che pubblica sul giornale i nomi di chi ha abortito.

Non stiamo parlando di niente di diverso da un medico di un centro trasfusionale che pubblica sul giornale chi ha dichiarato di aver avuto rapporti non protetti con multipli partner di sessi vari (perché il popolo ha diritto a sapere di chi diffidare, direbbero loro).

Non stiamo parlando di niente di diverso da un sacerdote che faccia sapere in giro chi ha peccato di adulterio. (Beh, qua almeno c’è la scomunica).

Gli stati moderni ci proteggono da tutto questo. Non distruggiamo tutto solo per fare un dispiacere a Berlusconi.

(letture: The Left Wing, Filippo Facci)

§ 8 Responses to Quello che penso sulle intercettazioni (ovvero di Giovanardi e di un primario ciellino)"

  • […] intercettazioni (ovvero di Giovanardi e di un primario ciellino)26.05.10 | Comment? Non stiamo parlando di niente di diverso da Giovanardi che fa controlli antidroga a sorpresa nei bagni pubblici e nei […]

  • […] non dovrebbero essere pubblicate. E lo dico con le parole che ho trovato in questi giorni su un blog: “Io ritengo il diritto alla riservatezza qualcosa d’importante: si può derogare con le […]

  • Stefano scrive:

    Perdonami, ma il primario ciellino che pubblica i nomi di chi ha abortito non c’entra una mazza. Ma proprio niente. Stiamo parlando di qualcosa di completamente diverso.

    Stiamo parlando della pubblicazione di notizie di rilevanza pubblica, perchè i protagonisti hanno un ruolo pubblico.
    Il Governatore della Banca d’Italia che si adopera per favorire una parte in una scalata è una notizia che tocca tutte le persone interessate al sistema finanziario.
    Un politico che raccoglie voti sulla base della difesa della famiglia tradizionale e promuove leggi contro la prostituzione mentre va a letto con una mignotta è una notizia che tocca tutti i suoi elettori, ed i cittadini. Anche se non è reato.

    Poi ogni cittadino sarà libero di farsi la propria opinione, e di ribadire la fiducia a quel politico.

    Una persona qualunque che abortisce invece non ha alcuna rilevanza pubblica.

    Con tutto il rispetto, lo capisce chiunque sia in buona fede. Forse perfino Giovanardi.

    • Federico scrive:

      Tralasciando la questione relativista (una persona retrograda può trovare socialmente importante sapere se la maestra dei suoi bambini ha abortito, chi decide cos’è socialmente importante?) e quella dell’informazione (le intercettazioni fuori contesto e non controllate fanno informazione o servono per strappare una frase ad effetto allo scopo di aggredire l’avversario?), vado su quella che mi attacchi.

      Le intercettazioni sono una grave violazione della riservatezza ma sono un male necessario e, come tutto il male necessario, va limitato al necessario, ovvero solo alle informazioni di rilevanza penale.
      Al momento quelle intercettazioni, prima di essere tagliate, controllate, contestualizzate e tutto sono segrete. Non le deve leggere nessuno al di là di chi ne ha necessità e chi le fa uscire commette reato. Siccome non stiamo più parlando di qualche fuoriuscita ma di un sistema continuo, probabilmente con un tariffario, io accetto che vengano poste delle limitazioni per fermare questo sistema.

      Te ritieni che alcune personalità non abbiano diritto a questa sfera privata; è un impostazione che non mi piace ma è un’idea coerente. Ma le idee si traducono in decisioni, che nel mondo moderno si chiamano leggi: si faccia una lista di cariche che comportano la perdita della riservatezza delle comunicazioni. Non sono d’accordo ma così si tradurrebbe la tua scelta.
      Avere invece il liberi tutti, ovvero che chi ha in mano il foglio con un informazione riservata può violare la legge e tutte le sue garanzie in nome del bene del mondo (che per Giovanardi vuol dire emarginare i drogati, etc etc), beh, porta proprio ai casi che ho scritto.

      Scegliere fra “si pubblica solo quando il segreto termina” o “alcune persone su determinati argomenti non godono del segreto” è una decisione. Il sistema illegale attuale no e l’illegalità accettata porta a disastri.

  • Stefano scrive:

    Il “liberi tutti” non piace a nessuno, ed è ancora più pericoloso in un paese cialtrone come l’Italia,ma io mica dico che i personaggi pubblici perdono il diritto alla privacy!

    Dico che lo perdono limitatamente alle questioni attinenti i giudizi e le azioni che riguardano a ciò per cui la collettività affida loro un mandato:
    – Berlusconi che parla di Ronaldinho non è di rilevanza pubblica; parlare di mignotte dopo aver chiesto voti sulla difesa della famiglia lo è;
    – un Pannella che parlasse di mignotte evidentemente non lo sarebbe;
    – Gilardino che va in albergo con una velina non lo è; ma se venisse intercettato mentre afferma di aver sbagliato apposta 10 gol per falsare le scommesse lo sarebbe (e nel caso in questione non sarebbe reato penale, a meno che non ne abbia un vantaggio economico)

    Tutto questo non ha a che fare con la decisione di disporre o meno un’intercettazione (che è questione penale), ma con la sua pubblicazione.

    Poi c’è una parte di soggettività?
    Si, ma non di moralismo. L’aborto della maestra non incide sul suo operato pubblico (non la rende meno brava ad insegnare), e le preoccupazioni di un eventuale genitore retrogrado sono irrilevanti.
    Accusare di “moralismo” è un modo facilone per sviare la conversazione: qui si parla di efficienza ed imparzialità nello svolgimento di un’opera di rilevanza pubblica.

    La parte di soggettività semmai ha a che fare con questo: un Fassino che dice “abbiamo una banca” sarà poi in grado di legiferare imparzialmente sui sistemi finanziari?
    Non lo so. Ma forse la cosa migliore è pubblicare quell’informazione nel giusto contesto (cosa che allora non si fece), e poi lasciare che Fassino si spieghi e gli elettori decidano.

    Nel caso in questione, l’intercettazione venne pubblicata in mala fede perchè tagliarono la frase immediatamente successiva (“No, avete una banca”), e in questi scenari dovrebbe agire l’Ordine dei Giornalisti.

    (Ipotesi che ad oggi fa ridere, lo so…)

    • Federico scrive:

      Il materiale d’indagine è segreto.
      Aprire la porta a delle violazioni senza regolarle è un pericolo enorme. Poi se ovviamente va in mano alla, giustissima, logica del vendere più copie, saremo pieni di Gilardino che racconta le sue serate.
      E comunque io ritengo che se una persona rispetta la legge lo Stato non deve e non può violare i suoi diritti fondamentali. Ci perderemo qualcosa, come perdiamo qualcosa nel non torturare i mafiosi, ma i diritti sono più importanti.

      Infine se permettiamo la pubblicazione di informazioni riservatissime mettersi a punire per non aver pubblicato interamente è ridicolo.

  • […] intercettazioni (ovvero di Giovanardi e di un primario ciellino) Autore: admin Non stiamo parlando di niente di diverso da Giovanardi che fa controlli antidroga a sorpresa nei bagni pubblici e nei […]

  • […] giorno dopo la manifestazione contro la “legge bavaglio” (sulla quale ho già detto), si parla di molta gente (anche senza i soliti numeri esagerati), tanta gente famosa (politici […]

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

What's this?

You are currently reading Quello che penso sulle intercettazioni (ovvero di Giovanardi e di un primario ciellino) at Eggs of War.

meta

  • TRed
  • RSS TRed

    • Il voto clientelare non è integrazione
      Le polemiche sul voto “cinese” alle primarie di Milano andranno sicuramente a spegnersi nel giro di qualche ora, così come tutte le polemiche legate alla contingenza. Ma le reazioni alle accuse (spesso sopra le righe) del M5S da parte degli esponenti del Pd dimostrano una concezione piuttosto interessante di come venga concepita l’integrazione dei cittadini […]
    • A cosa serve vincere un Comune
      La varie anime della sinistra italiana (parlamentare, extraparlamentare, cisgoverntiva, infragovernativa) si preparano alla tornata delle amministrative di quest’anno lambiccandosi fra strategie elettorali e rinnovato ulivismo. Certo, con una legge elettorale ipermaggioritaria e presidenzialista (mortacci sua) non potrebbe essere altrimenti. Ma in questo dibattito si perde qualcosa, e qualcosa di abbastanza centrale: a cosa serve vincere […]
  • About

    C'ho una mail, scrivo pure su twitter e friendfeed.
    E un tumblr ma va e non va.
    E questo è il photoblog di mia sorella.
    Ci sono e non ci sono, tanto da fare in questi giorni.

  • RSS Cose che leggo in giro

    • Uber is no better than an old-fashioned gangmaster – so London’s cabbies are striking | Trevor Merralls | Opinion | The Guardian
      Yet any criticism of Uber’s business model is treated as an attack on the new digital economy. This could not be further from the truth, as far as I’m concerned. There are huge numbers of digital companies doing great things for the economy. I use a few of them in my cab. Uber’s profitability, however, […]
    • Le unioni civili accerchiate da spettri e pregiudizi - Claudio Rossi Marcelli - Internazionale
      Perché la questione della maternità surrogata irrompe sulla scena politica solo quando si parla di coppie omosessuali, che rappresentano una casistica molto limitata? Semplice: le associazioni religiose e i movimenti omofobi hanno capito molto presto che la gestazione per altri era l’unico argomento su cui si poteva fare leva per generare il panico tra l’opinione […]
    • David Bowie and the Rise of the Grief Police - The Atlantic
      The outcry of love and sadness after the news of Bowie’s death—that heavy sense that the world had been permanently dented—was, on top of everything else, evidence of the new way of mourning. Taking to the Internet to share and cry and commiserate is now part of how we cope with a loss. It is […]
    • Leonardo: La satira del razzismo è comunque razzismo?
      Che differenza c'è tra un messaggio stupido e razzista e la parodia di un messaggio stupido e razzista? Nessuna.
    • The Website Obesity Crisis
      Let’s commit to the idea that as computers get faster, and as networks get faster, the web should also get faster.
    • The problem with science journalism: we’ve forgotten that reality matters most | Media | The Guardian
      To me, this showed a twisted view of science journalism. Should political journalists stick to positive profiles of politicians? Should business writers only consider the positives from a company’s actions? Should those who write about literature ignore the intent of the pieces they cover? Of course not. And the same goes for science.
    • Why so many of the health articles you read are junk - Vox
      One new study, published in the British Medical Journal, assigns a large fraction of blame to the press shops at various research universities. The study found that releases from these offices often overhype the findings of their scientists — while journalists play along uncritically, parroting whatever showed up in their inbox that day.
    • Uber's Labor-Free Fantasy Won't Last Forever
      A business model based on paying workers too little to live—a business model in which a company must fight viciously against workers’ attempts to unionize, because unions are considered an existential threat—is not a real business model at all. It is arbitrage of poor regulation. It is a con job. And it can’t last forever.
    • Hitler Wasn’t Inevitable | Jacobin
      Instead of submitting to this analytical double-bind, we should reclaim a view of history that acknowledges the conflictual and contested nature of social change. Fascism is never inevitable, but is rather the outcome of a confrontation between radically opposed social forces. Wherever there are fascists, there will likely be socialists and other leftists fighting against […]
    • L'attentato di Parigi ha mostrato il vero livello dell'informazione in Italia | VICE | Italia
      L'importante, la cosa da sottolineare, è che quel giornalista della RAI era approssimativo, capzioso e anche arrogante. I giornalisti sportivi di Rete Sport stavano fornendo un servizio alla comunità incommensurabilmente migliore, nonostante (o forse proprio per il fatto che) ad ogni piè sospinto ci tenessero a sottolineare di non essere specialisti in materia.